Outgoing Mobility / Mobilità in Outgoing

2015 icon

  • 2015 – “COMPASS“;

The increasingly worrying convergence of different crises in EU requires our society to reconsider our production and consumption models: it is urgent to foster the creation of synergies between private actors, institutions, social groups and unions, which need to work together in order to achieve a successful ecological conversion of our production models. Our partnership believes that educational improvements can help employability and reduce poverty, so the project is inspired to the priorities of EU 2020 Strategy, and its activities aim to contribute to the achievement of Strategy 2020 targets on Employment and Climate change and energy sustainability.

Objectives:

Main aim: To build and deliver a training path aimed at the creation and recognition of a new professional profile/curriculum in response to the emerging need of the EU job market: a Sustainable conversion consultant, a professional able to move into a global/local contest and understand and promote transition’s scenarios towards environmental and social sustainability.

Specific objectives:

– Promote green entrepreneurship education for developing active citizenship, employability and creation of new professional CV;

– Support lifelong learning and work paths for individuals;

– Support the mainstreaming of OERs for lifelong learning;

– Provide partner organizations with new tools to improve/renew/update their training offer;

– Establish connections and business partnerships between different actors;

– Promote and raise awareness throughout EU on the opportunities of employment offered by green jobs.

TARGET GROUPS:

Target groups:

– young unemployed graduates of several backgrounds: architects, urban planners, engineers, urban sociologists

– older unemployed professionals of the same backgrounds who have had previous work experience but have lost their jobs

– administrators of local public authorities

INDIRECT TARGET GROUPS:

– University students, private actors, consultants and professionals interested or involved in sustainable conversion/green economy sectors, local authorities, policy makers.

METHODOLOGY:

–  Use of an interdisciplinary approach in order to gain an integrated and complete approach to a socially, environmentally and economically sustainable conversion of territories and public sites. The purpose is to dissolve the boundaries between areas of study and encourage learning across the curricula, creating a whole new professional CV.

–  Use of case study in training activities as a didactic strategy which can facilitate and promote active learning, help problem solving, and encourage the development of critical thinking skills.

KEY ACTIVITIES/OUTPUTS:

COMPASS intends to contribute to tackle the mentioned challenges through building and delivering a training path aimed at creation and recognition of a new professional profile/CV: a Sustainable conversion consultant. It will produce 3 innovative intellectual outputs:

– COMPASS Pilot Training course will provide young unemployed graduates and older unemployed professionals useful and effective knowledge/competences in sustainable and ecological territorial and sites conversion.

– Case Studies to be used as didactic material within the training course and as standalone OER for the promotion and sensitization on the project topics.

– Final methodology guidelines that will explain in details the methodology developed by the project in terms of training and business model (interdisciplinary approach).

Thanks to COMPASS broad and targeted dissemination strategy we intend to create awareness throughout EU on the necessity to create CV in response to a changing world, where the sustainability has to be considered in every choice, in our private lives and in the changing labor market.

RESULTS:

– Implementation of innovative learning/teaching methodologies

– Update, renewal and enhancement of partner organizations’ teaching/training offer

– Creation of a new professional CV: Expert in sustainable sites conversion

– Increased young unemployed graduates’ and older unemployed professionals entrepreneurial competences, their capacity to create and manage entrepreneurial activities and skills, entrepreneurial competences in sustainable conversion sector (sustainable urban planning)

– The development and use of OER in the area of green economy, participatory planning and sustainable conversion.

IMPACT:

COMPASS’s results and deliverables will motivate, engage and inspire learner’s entrepreneurship, and which can be readily embedded into innovative business processes, supporting the transformation of learning outcomes into permanent and valuable knowledge assets. COMPASS will provide its target groups with further corollary impact of faster and more effective acquisition of knowledge, competences and skills, increased knowledge worker productivity, and more efficient organizational learning processes.

MEETING:

COMPASS kick off meeting (PM 1) – 

Location: Zagreb, Croatia

Date: Monday 5th and Tuesday 6th October 2015

Participants: Petra Andrić (DOOR), Daniel Rodik (DOOR), Simeon Toptchiyski (BDA), Jennifer Schäfer (Europanorat), Benjamin Silaghi (Civitas), Claudiu Jacota (Civitas), Chiara Vestrini (A SUD), Annalisa Cavallini (A SUD) + via Skype: Lucie Greyl (A SUD) and Andrea Cenderello (Cesfor)

  • 2015 – “CONTACT”

Applying Ramalingam’s (2012) categorisation of measures used in relation to far-right extremism to hate crimes reveals the following types: up-stream preventative measures (e.g. training of police, youth etc., building stronger civil society); reactive measures and response mechanisms (e.g. punishment of crimes, recording of hate crimes, awareness raising); repression (e.g. prohibiting public incitement to hatred, banning marches); intervention (e.g. de-radicalisation, direct engagement). In dealing with hate crime and intolerance, all relevant bodies face well-acknowledged problems.

According to the European Agency of Fundamental Rights in its opinion on the Framework Decision on Racism and Xenophobia, these include the identification of hate crime, the increasing use of the internet as a tool of hate and propaganda, under-reporting of hate crime and the rise of extremist groups and political parties in the EU (FRA Opinion 2/2013). Researchers dealing with online contexts also note the internationalisation of hate afforded by the nature of the technology.

With this as background, the CONTACT  team plans to undertake the following tasks:

  1. Desk research concerning the status and results of recent initiatives in Italy concerning monitoring and reporting
  2. Data collection and analysis in relation to production and perception of the out-group representation on online mainstream media, Social Media (discursive analyses of websites and associated social media sites of acknowledged xenophobic groups including Youtube videos internet sites, working on:
    1. the target(s) of the extreme views expressed
    2. the discursive and multimodal strategies employed that could be categorised as ‘hate speech’ (e.g. referring expressions, metaphors, threats, jokes etc.)
    3. the responses to the views expressed (e.g. comments, likes/dislikes on Facebook)
    4. the mechanisms of identity construction.

As in task b but where the focus is on selected debate fora and social media in order to consider the relational aspects of hate speech use (e.g. creation of rapport and a sense of in-group identity)

  1. Perceptual experiments with younger generation (20 interviews + 40 questionnaires)
  2. Training path:
  • 2 training sessions targeting media professionals. The aim is to train media professionals on what constitutes hate speech, on the rights and freedoms of the media on the one hand and the obligations of the media to refrain to promote hate speech, looking at regulations, laws and good practices as upheld in other EU member states. A total of 40 people will be trained in this activity (20 people in each group)
  • Online Open Educational Resources (OER) on Cesfor platform
  1. Contribution on the dissemination on the CONTACT project contents and raising awareness events organized by the CONTACT project.

The research methodology will be qualitative and quantitative, using approaches from interactional sociolinguistics, pragmatics, social psychology.

16760733-la-bandiera-britannica-sotto-forma-di-un-39-icona-lucidaEnglish Text

2014-happy-new-year-3d-graphic

  • 2014 – “FErMENTI – Fostering EuRopean Mobility EfficieNcy in Tourism Industry”, Leonardo da Vinci Mobility (IVT);

FErMENTI is a Leonardo da Vinci IVT Mobility project aimed at supporting the transnational mobility of young people undergoing vocational education and training improving language, relationship and professional competences and skills.

The internships took place in 10 countries (Ireland, UK, Spain, France, Portugal, Belgium, Finland Poland, Germany and Czech Republic) and were 4 weeks long.
The project prefigured the mobility of 65 youngsters, 16-23 years old, undergoing vocational education and training in the Tourism-Hotel-Catering sectors.

The project objectives were the following:
– Promote international mobility of young people to enhance their vocational training opportunities and their personal development;
– Promote initial professional experiences aiming to gain and strengthen the competences to be included in the tourism labour market, mostly resident in the Rome region;
– Strengthen the linguistic, technical and relational competences of participants;
– Spread international mobility best practices aimed to define internships for young people undergoing vocational education and training;

The project met the broad context needs by:
1) Enhance mobility aimed to improve initial training in the tourism and catering;
2) Promote knowledge exchange in the tourism sector between Italy and other European countries;
3) Promote opportunities of work inclusion for young people undergoing vocational education and training;
4) Match the local and European policies concerning transnational mobility projects.

The project met the specific context needs by:

1) developing stable working pathways within the Tourism ad Hotel Industry;
2) detecting and testing new transnational job opportunities in European tourism, hotel and catering sectors;
3) answering the large request of participation to international internships experiences (against the low level of mobility of Italian young people);
4) integrating the education of young people undergoing vocational education and training with international internships experiences.

FErMENTI displayed 65 internships in the fields of tourism, catering and hotel, focusing mainly on the following profiles:
1) Cook Assistant
2) Waiter/waitress
3) Restaurant/Hotel receptionist
4) Tourists services operator

2013

  • 2013 – “A.C.M.E. – Arts and Culture Management in Europe”, Leonardo Da Vinci Mobility (PLM);

A.C.M.E. was a PLM Mobility project aimed at supporting the European mobility of young workers (employed, and self-employed, graduates and people in the labour market) organizing european professional internships.
The internships took place in 6 countries (UK, France, Poland, Germany, Portugal and Spain) and were 14 weeks long.

The project prefigured the mobility of 65 youngsters 18-35 years old with formal, informal and non formal training and professional background in the arts and culture sectors  (music, theatre-dance, cinema-audiovisual, graphics).

A.C.M.E. objectives were the following:
1. Promoting professional experiences aiming at gaining and strengthening the competences to be included in the labour market in the arts and culture sectors (music, theatre-dance, audiovisuals, graphics), with particular attention to the design, planning, promotion and management of cultural and artistic events .
2. Promoting mobility and transnational exchanges of workers and people available for the labour market as a personal and professional experience
3. Strengthening the linguistic, technical and relational competences of employed, unemployed and self-employed of people available for the labour market, mostly resident in the Lazio region
4. Spreading international mobility best practices aimed to define internships and professional experiences
5. Empowering the Lazio region development strengthening its professional skills and human capital

The project met the broad context needs by:
1) Activating knowledge transfers and exchanges between Italy and other European Countries within the arts and culture sectors
2) Increasing workers international mobility processes within European employment circuits
3) Promote the updating of workers competences within the arts and culture sectors
4) Matching the local and European development policies (SEO) aiming to increase the employment

In connection with the arts and culture sectors needs, the project:
1) Developed stable working pathways within the Cultural Industry, also including young workers in formal and informal cultural circuits
2) Detected and test new transnational job opportunities in European cultural sectors
3) Made aware the public Institutions of artistic and cultural activities development in order to enlarge spaces, services, structures devoted to cultural industry
4) Organized international internship experiences

A.C.M.E. displayed 65 professional internships in the fields of music, theatre-dance, audiovisual and graphics, focusing mainly on the following profiles:
1) Event Managers (cultural event management). The 75% of the internships were
assigned to young professionals interested in designing, planning, promote and manage
cultural and artistic events (festivals, tours, live shows, exhibitions, vernissage, etc.) in the above mentioned fields. By this point of view the project focused on an entrepreneurial approach, promoting the participation of young professionals interested in the start up of enterprises in the field of event management.
2) Artists and technicians. The remaining 25% of the internships were assigned to veritable performers (actors, director, dancers, players, graphic designers, set designers, etc.) and technicians (lights designers, audio designers, machinists, cameramen, promoters, location managers, tour managers, etc.).

2012-red2

  • 2012 – “T.H.E.M. – Tourism and Hotel Mobility in Europe” Leonardo Da Vinci Mobility (IVT);

T.H.E.M was a project promoted by the Province of Rome, where CeSFOr had the role of Project Coordinator. It was an IVT Mobility project, aimed at supporting the transnational mobility of young people undergoing vocational education and training. Also, It aimed at improving language, relationship and professional competences in the tourism sector.

The internships took place in 6 countries (Ireland, UK, Spain, France, Portugal and Poland) and were 4 weeks long. The project prefigured the mobility of 48 youngsters, 16-23 years old, undergoing vocational education and training in the tourism sector.

The project objectives were the following:
– Promoting international mobility of young people to enhance their vocational training opportunities (48 mobilities) and their personal development;
– Promoting initial professional experiences aiming to gain and strengthen the competences to be included in the tourism labour market, mostly resident in the Lazio region;
– Strengthening the linguistic, technical and relational competences of participants;
– Spreading international mobility best practices aimed to define internships for young people undergoing vocational education and training;
– Empowering the Lazio region development strengthening its professional skills and human capital.

The project met the broad context needs by:
1) Enhancing mobility aimed to improve initial training in the tourism and catering;
2) Promoting knowledge exchange in the tourism sector between Italy and other European countries;
3) Promoting opportunities of work inclusion for young people undergoing vocational education and training;
4) Matching the local and European policies concerning transnational mobility projects.

The project met the specific context needs by:
1) Developing stable working pathways within the Tourism ad Hotel Industry;
2) Detecting and test new transnational job opportunities in European tourism sector and catering;
3) Answering to the large request to participate to international internships experiences (against the low level of mobility of Italian young people);
4) Integrating the education of young people undergoing vocational education and training with international internships experiences.

T.H.E.M. displayed 48 internships in the fields of tourism and hotel, focusing mainly on the following profiles:
1) Cook Assistant
2) Waiter/waitress
3) Restaurant/Hotel receptionist
4) Tourists services operator

  • ProTour – Professionals in Tourism”, Leonardo Da Vinci Mobility (VETPRO);

ProTour is a VETPRO Mobility project aimed at supporting mainly the mobility of professionals/trainers of the tourist sector, especially those of the CPFP  (Centro Provinciale Formazione Professionale – Vocational Education and TrainingCenter) situated in the Rome district, and also of some teachers of the Vocational Tourist school of Lazio.

The project also sets the participation and the mobility of managers/officials of local public institution involved in the management of the training paths, in order to improve competences, integration and management of the formal/informal paths.

Some intermediary organizations will take part in the project in order to ensure in each country the directly involvement of enterprises and training institute active in the tourist sector. These enterprise network will provide, through the activities project, a check on the formal/informal teaching/learning methods of the internship in the tourist field.

The project objectives were the following:

–     Improving the learning of formal/informal path in training and working backgrounds
–     Recognizing and enhance the competences acquired in these backgrounds
–     Improving formal/informal learning methods

The outcomes of the projects were:

–     Identifying and enhancing the outcomes of the paths in order to make more effective the integration of the professionals/trainings in the labour market.

The Validation and the transparency of the competences acquired and of the paths were certified by Europass Mobility certificate.

The experience and methods acquired were shared among the institutional subjects in order to improve the learning of formal/informal paths in training and working backgrounds

  • 2012 “Cinergy”, Grundtvig Partnership;“

CINERGY aimed at confronting and fostering knowledge and experiences of post carbon citizenship in Europe through the mobility and participative collaboration between professionals involved in local post carbon processes and adult citizens that support and participate in local activities related to energy and post carbon actions. At the centre of the project relies local energy management characterised by new participative practices involving all stakeholders: the “energy comunities” and by the importance of their role in promoting and participating to sustainable energy systems.

Moreover, CINERGY was fully inspired and wanted to contribute to the Europe 2020 strategy for smart, sustainable and inclusive growth. Our partnership, composed of local authority, civil society and adult education organisations all active in education and energy sectors, exchanged and jointly developed methodologies and competences through an informal learning approach. In particular, the project supported participants in learning to enhance their individual and collective competences on Active Citizenship at European level. CINERGY also promoted intergenerational, intergender and intercultural exchanges about energy and post carbon oriented actions.

Through transational meetings, workshops and focus groups CINERGY developed both tools and opportunities for the transfer and diffusion of the project purposes. The project implemented a replicable informal education methodology for the promotion of energy comunities, based on a process of participative elaboration and collection of experiences, knowledge and competencies that partners shared, enhanced and acquired during the project lifetime.

2011-icon

  • M.E.T.E. – Mobilità Europea nel Turismo” (European Mobility in Tourism and Hotel Sector) Leonardo Da Vinci Mobility (IVT);

M.E.T.E. is a IVT Mobility project aimed at supporting the transnational mobility of young people undergoing vocational education and training. It  was aimed at improving language, relationship and professional competences in the tourism sector.

The internships took place in 7 countries (UK, Ireland, France, Poland, Germany, Portugal and Spain) and were 3 weeks long.

The project prefigured the mobility of 40 youngsters, 18-25 years old, undergoing vocational education and training in the tourism  sector.

The project objectives were the following:

– Promoting international mobility of young people to enhance their vocational training opportunities (40 mobilities)and their personal development;
– Promoting initial  professional experiences aiming to gain and strengthen the competences to be included in the tourism labour market, mostly resident in the Lazio region ;
– Strengthening the linguistic, technical and relational competences of participants;
– Spreading international mobility best practices aimed to define internships for young people undergoing vocational education and training;
– Empowering the Lazio region development strengthening its professional skills and human capital.

The project met the broad context needs by:

1)    Enhancing mobilities aimed to improve initial training in the tourism sector;
2)    Promoting knowledge exchange in the tourism sector between Italy and other European countries;
3)    Promoting opportunities of work inclusion for young people undergoing vocational education and training;
4)    Matching the local and European policies concerning transnational  mobility projects.

The project will meet the specific context needs by:

1)    Developing stable working pathways within the Tourism Industry;
2)    Detecting and test new transnational job opportunities in European tourism sector;
3)    Answering to the large request to participate to international internships experiences (in contrast with the low mobility of italian young people);
4)    Integrating the education of young people undergoing vocational education and training with international internships experiences.

  • “A.L.I. – Arts and Labour Immersion”, Leonardo Da Vinci Mobility (PLM);

A.L.I. is a PLM Mobility project aimed at supporting the European mobility of young workers (employed, and self-employed, graduates and people in the labour market) organizing european professional internships.

The internships took  place in 7 countries (UK, Ireland, France, Poland, Germany, Portugal and Spain) and were 13 weeks long.

The project prefigured the mobility of 80 youngsters 18-35 years old with formal, informal and non formal training and professional background in the arts and culture sectors (music, theatre, cinema, graphics).

The project objectives were the following:

  1. Promoting professional experiences aiming to gain and strengthen the competences to be included in the labour market in the arty and culture sectors (music, theatre, cinema, graphics).
  2. Promoting mobility and transnational exchanges of workers and people available for the labour market as a personal and professional experience
  3. Strengthening the linguistic, technical and relational competences of employed, unemployed and self-employed of people available for the labour market, mostly resident in the Lazio region
  4. Spreading international mobility best practices aimed to define internships and professional experiences
  5. Empowering the Lazio region development strengthening its professional skills and human capital

The project met the broad context needs by:

1)    activating knowledge transfers and exchanges between Italy and other European Countries within the arts and culture sectors
2)    increasing workers international mobility processes within European employment circuits
3)    promote the updating of workers competences within the arts and culture sectors
4)    matching the local and European development policies (SEO) aiming to increase the employment

In connection with the arts and culture sectors needs, the project:

1)    developed stable working pathways within the Cultural Industry, also including young workers in formal and informal cultural circuits
2)    detected and test new transnational job opportunities in European cultural sectors
3)    made aware the public Institutions of artistic and cultural activities development in order to enlarge spaces, services, structures devoted to cultural industry
4)    organized international internship experiences

  •  “M.U.S.A. – Mobilità europea nei Settori Artistici” (European Mobility in Arts Sectors), Leonardo Da Vinci; Mobility (PLM);

M.U.S.A. is a PLM Mobility project aimed at supporting the European mobility of young artists of the Lazio district, organizing european professional internships.

The internships took  place in 4 countries (Spain, Austria, Ireland and France) and were 10 weeks long.

The project prefigured the mobility of 30 youngsters 18-35 years old with formal, informal and non formal training and professional background in the arts and culture sectors (music, theatre, cinema, graphics).

The project objectives were the following:

1. Supporting the professional growth of young artist of the Lazio district, valuing their competences in the use of new multimedial tools in the production of artistic works;
2. Promoting mobility and transnational exchanges, as an experience of professional and personal growth;
3. Enhancing linguistic and learning competences in young artists;
4. Disseminating good practices and products aimed at facilitating the entry in the professional world, self promoting competences and artistic productions.

  • S.I.T.E. – Social Inclusion through Theatre Experience”, Grundtvig Partnership;

The project aimed at sharing at an European level the “Social Theatre Operator” professional profile with a strong reference to the EQF laying the foundations for a long-term path toward the definition of teachers/trainers competences in Social Theatre and the migration of the “Social Theatre Operator” profile. The project main targets were teachers/trainers involved in the design, definition, organization and realization of training path to support the social and work inclusion of disadvantaged adult citizens through theatre experience (older people, immigrants, women, disabled).

The project focused on:

– the design of an innovative training path for social theatre operators
– the sharing of best practices in social theatre field, also considering the fight to racism and prejudice
– highlighting of innovative and effective competences to support people at risk of social and work exclusion.
– the sharing of good practices for theatre operators European mobility.

Social Theatre (or Inclusion Theatre) has a short but effective tradition in Europe in the field of disadvantaged people social and work inclusion. Through theatre experience and activities people with relational or communication problems could acquire skills and competences useful to manage and face difficult situations and exclusion contexts. On this basis S.I.T.E. project offered a view on theatre as an art able to provide effective and innovative competences/skills to actors and operators engaged in supporting and animation activities addressed to adult citizens at risk of social and work exclusion.

The project faced these critical issues:

– designing and testing the basis for an innovative training path for social theatre operators
– sharing best practices in social theatre field, also considering the fight to racism and prejudice
– highlighting innovative and effective competences to support people at risk of social and work exclusion.
– sharing good practices about theatre operators European mobility
– designing recommendations to be delivered and shared with the local Public Bodies in charge of social and cultural inclusion policies to enhance the use of theatre to support social inclusion.

The project objectives are:

1) compare formal and informal training paths in Social Theatre to highlight and share useful competences to support disadvantaged people in the development of social and communication skills and to facilitate their inclusion in social and working contexts.
2) design and test the basis for an innovative common training path to update and strengthen the competences and skills of trainers/teachers involved (as teachers/trainers or performers) in social inclusion activities through theatre experience and methodologies. This paths will be a pilot and will be flexible enough to be adapted to local contexts and targets
3) improve the quality of European mobility of Social Theatre Operators highlighting opportunities and obstacles
4) share innovative and effective models and methodologies (best practices) for disadvantaged adult people
5) realize small-scale workshops (labs) at a local level (one during each project meeting) involving different targets (older people, immigrants, women, unemployed, disabled persons) securing and promoting an intercultural, intergenerational approach.
6) drafting of recommendations to be delivered and shared with the local Public Bodies in charge of social and cultural inclusion policies to enhance the use of theatre to support social inclusion.

  • In.P.U.T. – Innovative Profile for Updated Training”, Leonardo Da Vinci Partnership;

The Project laid the foundations for a long-term path toward the migration of the Cultural Event Manager profile in the EQF.

The main objectives were:

  • comparison between formal and non formal training paths in Cultural Events Management and the competences displayed “on field” by these professionals in order to improve the training offer;
  • definition of informal and non formal competences as a first step toward their recognition;
  • improvement of the quality of european mobility of Events Managers highlighting opportunities and obstacles.

The project idea came from:

  • a reflection on the Cultural Event Manager professional profile all over Europe, his competences and perspectives by a Cultural and Creative Industry point of view;
  • the direct contact with hundreds of Events Management professionals, trainers and learners during training and mobility activities;
  • the Leonardo Contact Seminar in Lisbon in Nov ’09 in which the partnership was borne and the project idea was defined.

During its training and European mobility activities for Cultural Events Managers, Ce.S.F.Or. and the other partners received a participation requests way beyond the available places. Moreover many event managers came from an “on field” informal training and their informal and non formal competences need to be recognized in order to facilitate the inclusion in the labour market.

The project focused on:

  • theatre/dance, music, exhibitions, cinema-audiovisual sectors
  • fundraising, promotion/communication, artistic/technical direction and logistical management.

16760744-la-bandiera-italiana-in-forma-di-un-39-icona-lucidaTesto Italiano

2015 icon

  • 2015 – “iREMEMBER“;

    Il progetto iRemember intende condividere, adattare e sperimentare a livello europeo il “Laboratorio della memoria”, un modello di laboratorio di attività intergenerazionale (composto da docenti/tutor, anziani e studenti), finalizzato all’aggiornamento delle competenze dei docenti/formatori e all’apprendimento alternativo ed informale della storia nelle scuole. Ogni “Laboratorio della memoria” si focalizzerà sul tema “conflitto” (per es. La transizione dal comunismo alla economia di mercato in Romania, “The Troubles” in Irlanda del Nord, ecc.) e i risultati ottenuti nei laboratori intergenerazionali saranno trasferiti nella piattaforma online Haatch.

    Il progetto è composto da:

    – una metodologia per la gestione di laboratori di apprendimento intergenerazionali;

    – un percorso formativo per docenti/tutor;

    – un programma di formazione online per gli studenti;

    – un processo di virtualizzazione dei laboratori.

    La metodologia iRemember mira a:

    -Fornire ai docenti e formatori un aggiornamento delle loro competenze/abilità attraverso uno strumento interattivo, sostenibile e facile da usare per l’insegnamento e l’apprendimento non formale e alternativo della storia contemporanea;

    -Sostenere l’interazione tra le generazioni, coinvolgendo cittadini anziani e giovani come soggetti principali che affrontano questioni emergenti con radici storiche ma anche con ripercussioni concrete sui tempi attuali;

    -Sostenere l’inclusione sociale dei cittadini anziani coinvolgendoli in laboratori, attività di storytelling con persone più giovani, consentendo loro di condividere i propri ricordi personali e le storie, di ottenere una visione esterna di quei fatti e di contribuire attivamente alla creazione di una “memoria comune”;

    -Sostenere l’inclusione dei giovani nella vita democratica attraverso un approccio alla cittadinanza attiva e partecipativa;

    -Promuovere l’uso di ICT e strumenti Web 2.0 al fine di creare una “memoria comune” partecipativa, sociale e condivisa che riguarda temi e affari specifici;

    -Definire uno strumento efficace da utilizzare nelle politiche ed attività di risoluzione di conflitti.

    La metodologia iRemember si compone di:

    -Una metodologia per i formatori (tutor) per la progettazione e la gestione di attività (laboratori) che coinvolgono i cittadini anziani e i giovani;

    -Una serie di tecniche didattiche di storytelling;

    -Una piattaforma online (Haatch) per la virtualizzazione e la condivisione online di ricordi comuni relativi a luoghi ed eventi come contenuto narrativo, accessibile al pubblico attraverso qualsiasi dispositivo connesso a Internet.

    Il progetto rafforza la collaborazione tra i Partner, definendo e condividendo un modello di laboratorio intergenerazionale della memoria che coinvolge:

    – Docenti/formatori: soggetti con competenze innovative nel campo della progettazione e gestione delle pratiche di insegnamento e di inclusione sociale;

    – Cittadini anziani: soggetti con esperienza, conoscenze, memoria e abilità di mediazione;

    – Giovani (studenti): soggetti con esperienza in ambienti digitali e spazi ibridi, materiale e virtuale, con una capacità di revisione e creazione di fonti di informazione e di narrazioni condivise.

    L’output principale del workshop sarà una metodologia innovativa e informale per l’insegnamento della storia. Il progetto virtualizzerà anche i Laboratori della memoria (realizzati attraverso uno strumento specifico sviluppato dall’Università di Roma La Sapienza) e il metadating dei materiali prodotti dall’incontro tra giovani e anziani. Perciò, il progetto mira a condividere e adattare questo metodo per stabilire uno strumento efficace e sostenibile per l’insegnamento informale della storia, l’inclusione sociale degli anziani e la condivisione di esperienze e punti di vista tra le persone anziane e i giovani con il meta-obiettivo di conservare i ricordi che altrimenti andrebbero persi.

    Partnership

     

    • Ce.S.F.Or. – Centro Studi Formazione Orientamento: Applicant (IT)
    • Università di Roma “La Sapienza” – DigiLab: Partner (IT)
    • North West Play Resource Center (The PlayHouse): Partner (Norther Ireland)
    • Asociatia Euroed: Partner (RO)
    • Adult Education and Lifelong Learning (AELL) Partner (AR)
    • Centro de Estudos e Formaçáo Aquiles Estaço, Lda (EPFA): Partner (PT)
    • Confederación Española de Centros de Enseñanza (CECE): Partner (ES)

           

          MEETING

  • Rome Meeting – 22-23 Gennaio 2015
  • Vidigueira Portugal Meeting – 20-21 Aprile 2015

Organizzazioni partecipanti: Ce.S.F.Or. – IT (Ernesto Russo; Andrea Cenderello; Lucia Salvoldi; Maria Matilde Albanese); Sapienza – IT (Giovanni Ragone; Luca Reitano; Bruno Restuccia; Letizia Leo); EUROED – RO (Mariana Matache; Lenuta Dadaci); PlayHouse – IE (Niall Mc Caughan; Pauline Ross); C.E.C.E. – ES (Marian de Villanueva); C.E.F.A.E. – PT (Elisabete Rosa; Estêvão Pereira)

Obiettivi dell’incontro: discussione dell’attività del progetto, procedimenti, i risultati, le decisioni, le criticità, le attività necessarie di follow-up e di attività, scadenze e una valutazione.

  • 2015 – “M.I.C.R.O. – Migrants Ideas Converted into Real Opportunities

Il mutamento sociale e le trasformazioni culturali, economiche e politiche innescate dai fenomeni migratori internazionali, e le sfide che tali trasformazioni comportano per le istituzioni e per la società civile costituiscono oggi una priorità cruciale da dover affrontare.

I dati statistici indicano che il settore dell’imprenditoria dei migranti è in continua crescita ed espansione, addirittura in opposizione rispetto al trend negativo registrato dalle imprese italiane durante la crisi economica. Un’analisi condotta a livello europeo ha evidenziato come la situazione sia similare in tutti i paesi. È un settore quindi che va protetto, alimentato ed incentivato, non solo perché genera reddito e crescita occupazionale ma soprattutto perché ha rappresentato e rappresenta uno strumento efficace di integrazione sociale ed economica.

Il percorso delineato dal progetto si snoda attraverso diverse fasi cruciali e ugualmente concorrenti al raggiungimento dell’obiettivo. Avendo ciascun partner esperienza sulla tematica progettuale, si partirà dall’analisi delle buone prassi da essi adottate in progetti già realizzati, al fine di individuare idee valide e replicabili. Verrà parallelamente fatta una riflessione congiunta sulle buone prassi adottate a livello nazionale dai paesi europei a più alto tasso d’immigrazione e in seguito si procederà, alla luce anche di quanto emerso, alla sperimentazione di una nuova metodologia formativa per il perfezionamento delle figure professionali che operano a vario titolo in questo settore. Attraverso questo percorso formativo innovativo, sperimentato durante il training su venti operatori del settore, verrà creata una nuova figura professionale con competenze trasversali in grado di supportare il migrante che voglia avviare un’attività imprenditoriale in ogni fase dell’iter da seguire. L’ultima fase prevede invece la messa a punto di un percorso info-formativo gratuito a disposizione dei migranti imprenditori o aspiranti tali per l’acquisizione o il consolidamento di nozioni imprenditoriali e gestionali d’impresa. Verrà realizzato dagli operatori formati durante il training che, grazie alla propria esperienza e alle competenze acquisite, metteranno a punto un percorso strutturato tenendo conto delle necessità specifiche dei migranti.

Il progetto, così articolato, si propone di dare una risposta efficace e coerente alle criticità sottolineate dai migranti imprenditori ed emerse dalle indagini svolte in Italia e in Europa. Alle difficoltà economiche, che hanno come conseguenza l’impossibilità di accedere ai tradizionali canali di finanziamento bancari essendo spesso i migranti soggetti privi di garanzia e quindi non bancabili, si aggiunge la mancanza o l‘insufficienza di un’adeguata preparazione imprenditoriale e gestionale. Un’altra criticità è stata riscontrata nel reperimento d’informazioni specifiche come le modalità di accesso al microcredito, la documentazione imprenditoriale necessaria a supporto della richiesta e le modalità di stesura di un business plan. Inoltre l’eccessiva frammentazione delle informazioni e di conseguenza la necessità di rivolgersi a più enti ed uffici rappresenta, secondo i dati emersi, un iter lungo, dispersivo e spesso un vero e proprio disincentivante. Attraverso l’azione sinergica dei vari settori coinvolti si procederà al rafforzamento della rete su cui poggia l’imprenditoria dei migranti. Oltre all’adeguamento professionale degli operatori che si interfacciano con tali soggetti infatti verrà creata una vera e propria rete di supporto a livello nazionale ed europeo. L’inclusione sociale che ne deriverà avrà un’incidenza non solo sull’economia nazionale ma anche sulle problematiche legate al fenomeno migratorio (disoccupazione, emarginazione, povertà). Attraverso questo progetto andremo quindi a stimolare un aspetto che rappresenta ad oggi una vera e propria risorsa per l’Europa. La rilevanza progettuale è data, infatti, dalla consapevolezza dell’importanza del ruolo che ricopre l’imprenditoria migrante per la società attuale e quindi dalla necessità di investirvi.

 

Partnership:

  • Ente Nazionale per il Microcredito, Applicant (IT)
  • Wisamar Bildungsgesellschaft gemeinnuetzige GmbH, Partner (GE)
  • ACCION CONTRA EL HAMBRE, Partner (ES)
  • S.F.Or. Centro Studi Formazione Orientamento, Partner (IT)
  • Mediter – Réseau Euro-Méditerranéen pour la Coopération a.i.s.b.l., Partner (BE)
  • FUNDACION NANTIK LUM, Partner (ES)

MEETING:

Meeting d’inizio progetto – Rome, 12-13 October 2015;

Partecipanti: – Angela Mariotti, Ente Nazionale per il Microcredito; Selene DʼAngelo, Ente Nazionale per il Microcredito; Andrea Loli, Ente Nazionale per il Microcredito; Carmen Perez, Nantik Lum; Alicia Garcia, Accion Contra el Hambre; Carola Dierich, Wisamar; Andrea Cenderello, Ce.S.F.Or; Ernesto Russo, Ce.S.F.Or.

Obiettivi dell’incontro: garantire che i partner del progetto hanno avuto una buona panoramica degli obiettivi e la struttura del progetto; identificare, chiarire e stabilire i compiti e le responsabilità dei lavori; stabilire buoni rapporti di lavoro tra i partner del progetto.

  • 2015 – “SOCOT – Social competence training and other supporting measures in newly developed training courses”

La ragione fondamentale del progetto nasce dai problemi di occupazione attuali nell’UE. Combattere i crescenti livelli di disoccupazione è diventato uno dei compiti più urgenti per i governi europei. Troppi giovani lasciano la scuola prematuramente e corrono un alto rischio di restare disoccupati. Lo stesso rischio minaccia l’elevato numero di lavoratori adulti con scarse competenze. Un quarto della popolazione in età lavorativa in Europa, quasi 80 milioni di persone, possiedono soltanto scarse competenze o competenze di base, e una grande percentuale di loro sono difficilmente educabile a causa di disabilità diverse. L’attivazione degli abbandoni scolastici o di quelli che cercano lavoro essendo in possesso di basse qualifiche si propone come campo principale di cooperazione nella strategia europea 2020 dei Servizi per l’Impiego (SPI).

Le più rilevanti priorità del progetto contribuiscono ad una riduzione del numero di adulti con basse qualifiche (riqualificazione e aggiornamento delle competenze) e sviluppano partenariati tra l’istruzione e l’occupazione. Gli argomenti mirati sono innovativi programmi di studio/metodi educativi/sviluppo di corsi di formazione e questioni del mercato del lavoro, compresi l’orientamento lavorale/la disoccupazione giovanile.

Gruppi target:

  1. Adulti e giovani svantaggiati senza o con basse qualifiche con età compresa tra 16-36 anni, che hanno avuto difficoltà a concludere/partecipare a corsi di formazione nel sistema scolastico regolare e centri per l’impiego, dovuto al fatto che non sono mentale/psicologicamente in grado di seguire i corsi normali. Queste persone sono escluse dal mercato di lavoro e quindi appartengono ad un gruppo svantaggiato nella vita sociale. I membri del gruppo target non sono mentalmente disabili, ma il loro background socio-economico non li ha permesso di sviluppare competenze, inoltre, l’ambente familiare e sociale reprime spesso le motivazioni e abilità esistenti.
  2. Formatori, tutor, docenti del gruppo menzionato sopra. Spesso loro non sono in possesso di una laurea per diventare docenti e non sono mai stati formati per istruire i disoccupati.

Partner di progetto:

Savaria Szakképzés-fejlesztési Kft. (Ungheria)

Berufsförderungsinstitut (BFI) Wien (Austria)

Ce.S.F.Or. Centro Studi Formazione Orientamento (Italia)

NGi (UK) Limited (Regno Unito)

LEED Nonprofit Kft. (Ungheria)

I Partner sono centri di formazione o organizzazioni che si occupano dello sviluppo del mercato di lavoro ed i patti per l’occupazione.

Il progetto va dal 01.09.2014 al31.08.2016 (24 mesi).

Attività del progetto:

  1. Gestione del progetto – compiti di gestione generale al fine di garantire il flusso continuo delle attività e il controllo finanziario e di tempo.
  2. Meeting dei partner: i Partner del progetto si incontreranno 4 volte, una volta in ciascun paese partecipante. Tutti i Partner parteciperanno ad ogni meeting.
  3. Produzioni intellettuali:

– Programma del corso per i disoccupati: “Reinserimento nel mercato di lavoro dei giovani adulti disoccupati e svantaggiati economicamente e socialmente ” – appr. 120 ore.

– Materiale didattico per i formatori del corso per i disoccupati: “Cambio dell’atteggiamento dei formatori di giovani adulti disoccupati e svantaggiati ” – appr. 30 ore.

  1. Eventi moltiplicatori:

I Partner implementeranno 11 eventi: 4 workshop per i formatori e gli esperti del mercato del lavoro per diffondere le produzioni, 3 corsi pilota per testare il programma del corso e dare un feedback; 3 ulteriori eventi di diffusione che contribuiranno con successo alla pubblicità e 1 conferenza collegata alla chiusura del progetto.

  1. Le attività e gli eventi di diffusione si sviluppano nelle attività, la maggior parte di tutti negli eventi moltiplicatori. Gli eventi faccia a faccia così come le apparenze stampati e online, l’uso dei social media e i regali e brochure prodotti contribuiranno alla diffusione dei risultati e delle esperienze del progetto.

I seguenti indicatori e misure serviranno per valutare come il progetto raggiunge il suo obiettivo:
Produzioni/indicatori quantitativi del progetto:
-Numero di produzioni intellettuali di nuova concezione
-Numero di corsi pilota consegnati
-Numero di disoccupati che partecipano ai corsi pilota
-Numero di formatori che partecipano ai corsi pilota/workshop

Indicatori qualitativi dei risultati dei corsi pilota del progetto sui gruppi target
-Questionari consegnati ai gruppi target prima e dopo i corsi pilota/workshop nei seguenti contenuti:
-Comprensione della lettura
-Autovalutazione
-Competenze di apprendimento
-Soddisfazione rispetto al corso

Come impatto previsto, a breve termine, gli adulti e i giovani svantaggiati beneficeranno dei suggerimenti e consigli dati al fine di sviluppare la motivazione a continuare a studiare ed (re)inserirsi nel mercato di lavoro. A lungo termine, loro beneficeranno di una maggiore occupabilità viste le attività di aggiornamento e riqualificazione delle competenze.

I docenti/tutor beneficeranno direttamente delle attività di progetto attraverso l’ulteriore sfruttamento delle loro nuove competenze nella loro attività professionale e l’aggiornamento delle loro competenze di formazione con le caratteristiche di handling delle generazioni Y e Z. Il progetto promuoverà l’inclusione sociale e l’occupazione a livello regionale e locale, coinvolgendo i fornitori di formazione e le autorità pubbliche nelle attività. La diminuzione del numero e del tasso di giovani adulti disoccupati diminuisce le eventuali minacce economiche e sociale a livello locale.

MEETING: 

Nottingham – 29 Novembre 2015 – 1 Ottobre 2015

2014-happy-new-year-3d-graphic

  • FErMENTI – Fostering EuRopean Mobility EfficieNcy in Tourism Industry”, Leonardo da Vinci Mobility (IVT);

Il progetto “FERMENTI – Fostering EuRopean Mobility EfficieNcy in Tourism Industry”, è  stato promosso da CE.S.F.Or. che ha già realizzato con successo, progetti di mobilità col programma Leonardo IVT e PLM nel settore turistico-alberghiero. Il Consorzio del progetto FErMENTI è costituito da organizzazioni pubbliche e private e riguarda le aree del centro e del sud del nostro paese in particolare la scelta di inserire tre organizzazioni del sud è messa in relazione ai livelli di crisi e di disoccupazione che il nostro paese ha raggiunto nel 2012.

I partner del consorzio sono: CE.S.F.Or. (Lazio), organizzazione  proponente, con esperienza pluriennale nei progetti di mobilità  nel settore turistico-alberghiero; L’associazione di categoria Federalberghi (Lazio) ente intermediario, già partner insieme a CESFOR nei progetti di mobilità; La Provincia di Roma Dipartimento III ente intermediario che ha gestito con CESFOR  progetti di mobilità IVT nel turistico alberghiero; Organizzazioni intermediarie: Il Consorzio  CSIA (Calabria) e l’Associazione SEND (Sicilia). Organizzazioni d’invio: L’Istituto Professionale statale di Anzio MARCO GAVIO APICIO’di Anzio (Lazio), Il Liceo Classico ” Da Fiore”di Rende, L’Istituto Professionale “S.Francesco” di Paola (Calabria), ente di invio; L’Istituto “Domenico Rea” di Nocera Inferiore(Campania); L’Istituto Tecnico per il Turismo “Marco Polo”di Palermo(Sicilia) e L’Istituto di Istruzione Superiore LS-ITCG di Castrolibero(Calabria). Il network europeo delle mobilità  del progetto FErMENTI ha previsto l’invio di 75 partecipanti in 8 Paesi europei: Inghilterra, Spagna, Irlanda, Francia, Germania, Portogallo, Rep. Ceca e Finlandia.

Le mobilità sono state di 4 settimane. Il progetto attraverso l’esperienza di tirocini europei nel settore turistico-alberghiero ha risposto ai seguenti fabbisogni: accrescere la partecipazione  dei giovani professionisti,  nei contesti lavorativi europei ed italiani (fabbisogno di occupazione); Acquisire  competenze linguistiche, relazionali e tecnico-professionali (crescita personale e professionale); Accrescere la mobilità dei giovani nell’UE e la partecipazione a contesti culturali diversi. (Fabbisogno interculturale e Know how); Accrescere l’interesse  degli Istituti scolastici per l’attività di mobilità come completamento  dei percorsi formativi; (Fabbisogno di contenuti innovativi nei percorsi formativi).

Il Progetto ha focalizzato le attività sui seguenti profili professionali: 1) Cuoco/assistente cuoco; 2) Cameriere/cameriera; 3) Restaurant/Hotel receptionist; 4) Operatore dei servizi turistici.

I principali risultati attesi  sono stati: realizzare un’esperienza lavorativa europea nel settore turistico-alberghiero, e inserirla in modo certificato (EUROPASS) nel proprio CV. Realizzare un’esperienza di mobilità europea e saper svolgere le proprie attività lavorative in un contesto culturale diverso dal proprio. Migliorare le proprie competenze linguistiche con un corso di lingua realizzato nel paese Ospitante, avere maggiori opportunità di inserimento nel Mondo del Lavoro attraverso l’invio del proprio CV ad associazioni di categoria, interessate  ad inserire i giovani con esperienza europea nelle proprie imprese del settore turistico-alberghiero.

2013

  • A.C.M.E. – Arts and Culture Management in Europe”, Leonardo Da Vinci Mobility (PLM);

A.C.M.E. ha sostenuto la mobilità transnazionale dei lavoratori, dei lavoratori autonomi, persone disponibili sul mercato del lavoro, laureati attraverso tirocini europei di tipo professionale e ha previsto la mobilità di 70 giovani dai 18 ai 35 anni, con percorsi formativi e professionali anche informali e non formali nel settore artistico-culturale. I tirocini saranno realizzati in Inghilterra, Spagna, Francia, Germania, Portogallo e Polonia e avranno una durata di 14 settimane. Il progetto è realizzato in partnership con la Provincia di Roma – Dipartimento III e il Comune di Prato e prevede il coinvolgimento diretto di PMI europee del settore come Hosting Partner.

Gli obiettivi del progetto A.C.M.E. sono stati i seguenti:

1. promuovere esperienze professionali finalizzate ad acquisire e a rafforzare le competenze necessarie all’inserimento nel mercato del lavoro nel settore artistico-culturale (teatro-danza, musica, cinema-audiovisivi e arti grafiche) con particolare attenzione all’ideazione, pianificazione, progettazione, organizzazione, gestione e promozione di eventi artistici e culturali;
2. promuovere la mobilità e lo scambio transnazionale dei lavoratori e delle persone disponibili sul mercato del lavoro, come esperienza di sviluppo professionale e personale;
3. rafforzare le competenze linguistiche, tecnico-professionali e relazionali dei lavoratori e delle persone disponibili sul mercato del lavoro ;
4. diffondere buone prassi di mobilità internazionale, finalizzate alla definizione di tirocini ed esperienze professionali;
5. Accrescere lo sviluppo della regione Lazio elevando le capacità professionali del suo capitale umano (P.O. ) Regione Lazio;
6. Avviare una riflessione, coinvolgendo le Organizzazioni partner e le imprese, sulle qualifiche e sui Learning Outcomes nei settori dell’Event Management in sinergia con il Progetto In.P.U.T. – Innovative Profile for Updated Training (Leonardo Partnership) sui temi del management di eventi.

Il progetto A.C.M.E. ha attivato complessivamente 70 mobilità per la realizzazione di altrettanti tirocini. Sulla base della rilevazione del fabbisogno realizzata attraverso le attività di promozione, reclutamento e selezione del progetto ALI (oltre 1.200 richieste) e del progetto MUSA (250 richieste per 30 tirocini) l’attenzione è stata concentrata principalmente su due aree professionali:

1) Organizzatori di eventi culturali (Event Managers). Il 75% delle mobilità previste dal progetto è stato destinato a giovani interessati all’ideazione, pianificazione, progettazione, organizzazione, promozione e gestione di eventi culturali (festival, tour, spettacoli, mostre, esibizioni, vernissage) nei suddetti settori. In questo caso il progetto ha focalizzato la sua attenzione su un approccio “imprenditoriale” ai tirocini favorendo la partecipazione da parte di giovani interessati ad avviare attività imprenditoriale nel settore dell’event management.

2) Artisti e tecnici. Il restante 25% delle mobilità previste dal progetto è stato destinato a performers (attori, danzatori, registi, grafici, scenografi, etc.) e tecnici (fonici, cameramen, scenotecnici, datori luci, etc.) dei suddetti settori.

2012-red2

  • 2012 – “T.H.E.M. – Tourism and Hotel Mobility in Europe” Leonardo Da Vinci Mobility (IVT);

Il progetto “T.H.E.M. – Tourism and Hotel Europen Mobility”, promosso dalla Provincia di Roma e coordinato dal Ce.S.F.Or. – Centro Studi Formazione Orientamento poggia le sue basi sull’esperienza di successo rappresentata dal progetto M.E.T.E. (Mobilità Europea nel Turismo). Le esperienze di mobilità, della durata di 4 settimane, hanno riguardato giovani inseriti in percorsi di formazione professionale iniziale (IVT) e sono state finalizzate all’acquisizione attraverso tirocini lavorativi di competenze linguistiche, relazionali, tecnico-professionali nel settore turistico-alberghiero. La partnership del progetto ha previsto la realizzazione dei tirocini in 6 Paesi europei: Inghilterra, Spagna, Irlanda, Francia, Germania e Portogallo.

La Provincia di Roma – Dip.3. contribuirà al coinvolgimento dei giovani inclusi nei percorsi di formazione professionale (Centri Provinciali per la Formazione Professionale CPFP). Il progetto ha coinvolto Istituti ed Enti della regioni Lazio, Calabria e Toscana che hanno selezionato i propri studenti e partecipanti. E’ stata prevista la mobilità di 48 giovani dai 16 ai 23 anni frequentanti istituti tecnico-professionali turistici ed alberghieri o corsi di formazione professionale nel settore turistico-alberghiero e 9 docenti di lingua in qualità di accompagnatori (tutor).

Gli obiettivi del progetto sono stati:

– promuovere la mobilità transnazionale dei giovani per accrescere le opportunità formative ed di sviluppo personale attraverso attività di tirocinio;
– sostenere l’inserimento professionale  dei giovani inclusi in percorsi di formazione professionale nel settore turistico-alberghiero, residenti preferibilmente nel territorio laziale;
– rafforzare le competenze linguistiche dei giovani inclusi in percorsi di formazione professionale iniziale;
– diffondere buone prassi di formazione relative ai percorsi di mobilità realizzati nei paesi europei;
– favorire lo sviluppo capitale umano della provincia di Roma, della regione Lazio e, più in generale, del settore turistico elevandone le capacità professionali.

In relazione al contesto generale, il progetto T.H.E.M. ha risposto ai seguenti fabbisogni:

– incrementare i processi di mobilità finalizzati alla formazione professionale iniziale nel settore turistico-alberghiero;
– attivare processi di trasferimento e scambio della conoscenza (settore turistico-alberghiero-catering) tra Paesi europei;
– accrescere/favorire le opportunità di inclusione lavorativa nel settore turistico-alberghiero dei giovani;
– raccordare in modo più efficace le politiche locali di sviluppo con le politiche europee di mobilità transnazionale.

In relazione al contesto specifico, il progetto T.H.E.M. ha risposto ai seguenti fabbisogni specifici:

1) inclusione dei giovani in percorsi lavorativi stabili nel settore turistico-alberghiero;
2) individuazione e sperimentazione di opportunità di lavoro in ambito europeo;
3) elevata richiesta di partecipazione ad attività di tirocinio all’estero (in contrasto con il basso tasso di mobilità dei giovani del nostro paese);
4) elevato interesse di partecipazione degli Istituti scolastici per inserimento dell’attività di mobilità come completamento dei percorsi formativi;
5) completamento del percorso formativo nel settore turistico-alberghiero, con esperienze di tirocinio (previste nel curriculum formativo) in Europa.

Il Progetto T.H.E.M. ha realizzato 48 tirocini, focalizzando le attività sui seguenti profili professionali:

1) Cuoco/assistente cuoco
2) Cameriere/cameriera
3) Restaurant/Hotel receptionist
4) Operatore dei servizi turistici.

  • ProTour – Professionals in Tourism”, Leonardo Da Vinci Mobility (VETPRO);

Il progetto PRO-TOUR Professionals in Tourism ha sostenuto in modo prioritario la mobilità dei professionisti/formatori nel settore del turismo, in particolare i formatori dei CPFP (Centri Provinciali Formazione Professionale) della Provincia di Roma ubicati nel territorio del Lazio. Inoltre ha previsto la partecipazione e la mobilità dei dirigenti/funzionari d’istituzioni pubbliche locali coinvolte nella gestione dei percorsi formativi sul turismo, al fine di migliorare le modalità di integrazione e gestione dei percorsi di apprendimento formali e non formali. Al progetto hanno partecipato organizzazioni intermediarie in grado di garantire in ogni paese il coinvolgimento di imprese ed istituti di formazione attivi nel settore turistico. Questo network europeo ha permesso, attraverso le attività del progetto un confronto sistematico sulla pratiche di insegnamento/apprendimento formali e non formali dei percorsi di tirocinio nel settore turistico.

I principali obiettivi del progetto riguardano:

a) migliorare l’apprendimento dei percorsi formali e non formali nei contesti formativi e lavorativi.
b) riconoscere e valorizzare le competenze acquisite in tali contesti
c) integrare le pratiche di apprendimento formali e non formali
d) avviare un confronto ed una riflessione sul riconoscimento e la certificazione delle competenze informali e non formali nel settore turistico-alberghiero, in un’ottica di Learning Outcomes.

Risultati attesi:

– individuare e valorizzare gli outcomes dei percorsi al fine di rendere più efficace l’integrazione dei professionisti/formatori nel mercato del lavoro.
– report sulla validazione e certificazione delle competenze formali/non formali (Learning Outcomes).
– Riconoscimento e trasparenza dei percorsi attraverso il certificato EUROPASS Mobilità.

Le mobilità dei formatori/professionisti sono state realizzate in tutti i paesi della partnership al fine di poter accrescere il confronto e la partecipazione alle esperienze formali e non formali. Sono state previste 20 mobilità di due settimane in 5 paesi europei Spagna, Germania, Francia, Portogallo e Ungheria. La durata del progetto è stata di 24 mesi. L’esperienza acquisita e le metodologie sperimentate sono state condivise con i soggetti istituzionali al fine di migliorare l’apprendimento dei percorsi formali/non formali nei contesti formativi e lavorativi.

  • 2012 “Cinergy”, Grundtvig Partnership;“

Il progetto CINERGY è stato finalizzato all’acquisizione di una maggiore conoscenza ed esperienza della “post carbon citizenship” in Europa attraverso la mobilità ed una partecipazione collaborativa tra professionisti del settore energetico e cittadini attivi. Al centro del progetto risiede una nuova pratica locale di gestione energetica che coinvolge tutti gli stakeholders: le “comunità energetiche”, fondamentali nel loro ruolo di promozione e partecipazione ad un sistema di energia sostenibile.

CINERGY si è ispirato largamente alla strategia Europe 2020, contribuendo ad una crescita intelligente, sostenibile ed inclusiva. Il nostro partenariato, composto di autorità locali, organizzazioni della società civile e di educazione degli adulti, tutti attivi nei settori dell’educazione e dell’energia, ha sviluppato in collaborazione delle metodologie e delle competenze attraverso un sistema di apprendimento informale. In particolare, il progetto ha supportato i partecipanti nell’apprendimento di competenze individuali e collettive relative alla cittadinanza attiva a livello europeo. CINERGY ha inoltre promosso scambi intergenerazionali, interculturali ed intergender in relazione a “post carbon oriented actions”.

Attraverso meeting transnazionali, workshop e focus group CINERGY ha sviluppato strumenti e opportunità per il trasferimento e la diffusione degli obbiettivi del progetto. Il progetto ha implementato una metodologia di apprendimento informale facilmente replicabile per la promozione di comunità energetiche, basandosi su un processo di elaborazione partecipativa e raccolta di esperienze, conoscenze e competenze che i partner hanno condiviso, sviluppato ed acquisito durante lo svolgersi del progetto.

  • M.E.T.E. – Mobilità Europea nel Turismo” (European Mobility in Tourism and Hotel Sector) Leonardo Da Vinci Mobility (IVT);

Il progetto M.E.T.E. (Mobilità Europea nel Turismo) è stato promosso dal CESFOR – Centro Studi Formazione Orientamento. Le esperienze di mobilità hanno riguardato i giovani inseriti in percorsi di formazione professionale iniziale (IVT) e sono state finalizzate a far acquisire attraverso tirocini lavorativi competenze linguistiche, relazionali, tecnico-professionali nel settore turistico-alberghiero.

La partnership del progetto ha previsto la realizzazione di tirocini in 7 Paesi europei: Inghilterra, Spagna, Irlanda, Francia, Germania, Portogallo e Polonia. Le organizzazioni ospitanti hanno espresso interesse al progetto M.E.T.E. attraverso le lettere d’intenti dove si sono impegnate ad essere organizzazioni intermediarie per tirocini della durata di 3 settimane nel settore turistico-alberghiero. Il progetto è stato realizzato in partnership con la Regione Lazio – Assessorato al lavoro, pari opportunità, politiche giovanili e la Provincia di Roma – Assessorato alle Politiche del Lavoro e Formazione. Tali Istituzioni  contribuiranno al coinvolgimento dei giovani inclusi nei percorsi di formazione professionale (corsi di formazione regionali e Centri Provinciali per la Formazione Professionale) con l’obiettivo di  sensibilizzarli e includerli nel progetto METE.

Il progetto ha previsto la mobilità di 40 giovani dai 18 ai 25 anni. Il target in mobilità è costituito da giovani inseriti in percorsi di formazione professionale iniziale. In particolare giovani che frequentano istituti tecnico-professionali turistici ed alberghieri o corsi di formazione professionale (provinciali e regionali) nel settore turistico-alberghiero;

Gli obiettivi del progetto sono i seguenti:

– Promuovere la mobilità transnazionale dei giovani (40 mobilità) per accrescere le opportunità formative ed il loro sviluppo personale attraverso attività di tirocinio;
– Sostenere l’inserimento professionale  dei giovani inclusi in percorsi di formazione professionale nel settore turistico-alberghiero, residenti preferenzialmente nel territorio laziale;
– Rafforzare le competenze linguistiche e d’apprendimento dei giovani inclusi in percorsi di formazione professionale iniziale, residenti preferenzialmente nella regione Lazio;
– Diffondere buone prassi di formazione relative ai percorsi di mobilità realizzati nei paesi europei;
– Accrescere lo sviluppo della regione Lazio elevando le capacità professionali del suo capitale umano (P.O. ) Regione Lazio.

In relazione al contesto generale, il progetto M.E.T.E. ha risposto ai seguenti fabbisogni:

– Incrementare i processi di mobilità  finalizzati alla formazione professionale iniziale nel settore turistico-alberghiero;
– Attivare processi di trasferimento e scambio della conoscenza (nel settore turistico-alberghiero) tra il  nostro paese e gli altri paesi dell’Unione Europea;
– Accrescere e favorire le opportunità di inclusione lavorativa nel settore turistico-alberghiero dei giovani inseriti in percorsi di formazione professionale;
– Raccordare in modo più efficace le politiche locali di sviluppo con le politiche europee di mobilità transnazionale.

I relazione al contesto specifico, il progetto M.E.T.E. ha risposto ai seguenti fabbisogni:

1)       Inclusione dei giovani in percorsi lavorativi stabili nel settore turistico-alberghiero;
2)       Individuazione e sperimentazione di opportunità di lavoro in ambito europeo;
3)       Elevata richiesta di partecipazione ad attività di tirocinio all’estero (in contrasto con il             basso tasso di mobilità dei giovani del nostro paese);
4)       Completamento del percorso formativo nel settore turistico-alberghiero, con                              esperienze di tirocinio (previste nel curricula formativo) soprattutto in Europa.

  • “A.L.I. – Arts and Labour Immersion”, Leonardo Da Vinci Mobility (PLM);

A.L.I è un progetto di mobilità di tipo PLM, misura del programma Leonardo dedicata a persone disponibili all’inserimento nel mercato del lavoro. Il progetto  ha sostenuto la mobilità transnazionale dei lavoratori, dei lavoratori autonomi, persone disponibili sul mercato del lavoro, laureati attraverso tirocini europei di tipo professionale.

I tirocini sono stati realizzati in 7 Paesi (Inghilterra, Spagna, Irlanda, Francia, Germania, Portogallo e Polonia) per la durata di 13 settimane.

Il progetto è stato realizzato in partnership con la Regione Lazio – Assessorato al lavoro, pari opportunità, politiche giovanili  e la Provincia di Roma – Assessorato alle Poltiche del Lavoro e Formazione.

Il progetto ha previsto la mobilità di 80 giovani dai 18 ai 35 anni, preferenzialmente residenti nella regione Lazio, con percorsi formativi e professionali anche informali e non formali nel settore artistico-culturale.

 Gli obiettivi del progetto sono i seguenti:

1. promuovere esperienze professionali  finalizzate ad acquisire e a rafforzare le competenze necessarie all’inserimento nel mercato del lavoro nel settore artistico-culturale (teatro, musica, cinema e arti grafiche);
2. promuovere la mobilità e lo scambio transnazionale dei lavoratori e delle persone disponibili sul mercato del lavoro, come esperienza di sviluppo  professionale e personale;
3. rafforzare specificamente le competenze linguistiche, tecnico-professionali e relazionali  dei lavoratori e delle persone disponibili sul mercato del lavoro residenti principalmente nella regione Lazio;
4. diffondere buone prassi di mobilità internazionale, finalizzate alla definizione di tirocini ed esperienze professionali.
5. Accrescere lo sviluppo della regione Lazio elevando le capacità professionali del suo capitale umano (P.O. ) Regione Lazio

Contesto  generale; in relazione ai I fabbisogni del contesto regionale il progetto :

1) ha attivato processi di trasferimento e scambio della conoscenza (nel settore artistico-culturale) tra il  nostro paese e gli altri paesi dell’Unione Europea;
2)  ha incrementato i processi di mobilità transnazionale dei lavoratori regionali sostenendoli  nei circuiti europei dell’occupazione
3)    ha favorito l’aggiornamento delle competenze dei lavoratori del settore artistico-culturale, adeguando  la professionalità dei giovani artisti ai contesti culturali  europei anche con esperienze professionali informali e non formali;
4)    ha raccordato in modo più efficace le politiche locali di sviluppo con le politiche europee in particolare con la strategia di Lisbona  (SEO) per accrescere l’occupazione.

Contesto specifico; in relazione  ai settori artistici e culturali il progetto è orientato ai fabbisogni di:

1)    sviluppo dei  percorsi lavorativi stabili nell’industria culturale  e inclusione dei giovani nei circuiti artistici formali e informali della cultura
2)    individuazione e sperimentazione di nuove  opportunità di lavoro transnazionali da realizzare in contesti culturali europei.
3)    sensibilizzazione  delle Istituzioni pubbliche per lo sviluppo delle attività artistiche/culturali  con il conseguente allargamento, di spazi, strutture e servizi  disponibili per l’industria culturale
4)    nuova richiesta di partecipazione ad attività di tirocinio all’estero notevolmente superiore all’offerta esistente. Tale richiesta è costante e in contrasto con il basso tasso di mobilità dei giovani del nostro paese.

  •  “M.U.S.A. – Mobilità europea nei Settori Artistici” (European Mobility in Arts Sectors), Leonardo Da Vinci; Mobility (PLM);

Il progetto MUSA è promosso dall’ Assessorato al Lavoro, alle Pari Opportunità e alle Politiche Giovanili-Regione Lazio (ente promotore) in partnership con il CESFOR – Centro Studi Formazione Orientamento (soggetto coordinatore); le esperienze di mobilità sono state realizzate in Spagna, Austria e Irlanda e hanno coinvolto, attraverso l’iniziativa regionale “Officine dell’Arte”, giovani artisti attivi nel territorio laziale nei seguenti settori:  musica, danza, cinema, teatro e digital art. La durata del tirocinio europeo è stata di 12 settimane.

L’iniziativa ha previsto la mobilità di 30 giovani dai 18 ai 35 anni che:

–       hanno  terminato gli studi superiori di II° grado o corsi di alta formazione in discipline artistiche, e ricercano opportunità di inserimento  nel mercato del lavoro;
–       hanno già esperienza nel settore della produzione artistica e multimediale, perchè hanno seguito un percorso di apprendimento non formale in questo ambito, ma risultano inoccupati.

Gli obiettivi del progetto sono i seguenti :
1. sostenere la crescita professionale dei giovani artisti presenti nel territorio laziale, nonché  valorizzare e accrescere le loro competenze nella produzione di opere artistiche e nell’uso dei nuovi strumenti di creazione multimediale;
2. promuovere la mobilità e lo scambio transnazionale tra i giovani, come esperienza di formazione professionale e personale;
3. rafforzare le competenze linguistiche e di apprendimento dei giovani residenti nella Regione Lazio;
4. diffondere le buone prassi di formazione ed i prodotti realizzati dai giovani al fine di facilitare il loro inserimento nel mercato del lavoro, anche attraverso l’autopromozione delle competenze e delle produzioni artistiche realizzate.

I fabbisogni:
1) incrementare i processi di mobilità formativa nel settore artistico tra il nostro paese e gli altri paesi dell’Unione Europea, (mobilità poco sviluppata in questo settore);
2) migliorare l’accesso nel settore della produzione artistica di giovani che hanno frequentato percorsi di formazione formali e non formali;
3) raccordare in modo più efficace le politiche regionali e locali con le politiche europee.

  • 2011 “In.P.U.T. – Innovative Profile for Updated Training”, Leonardo Da Vinci Partnership;

Il progetto ha gettato le basi per un percorso di lungo periodo con l’obiettivo di far migrare il profilo del Cultural Event Manager nell’EQF.

Obiettivi:

  • Comparare i percorsi formativi formali e non formali rivolti ai Manager di eventi culturali con le reali competenze utilizzate “sul campo” da questi professionisti al fine di migliorare l’offerta formativa
  • Definire le competenze informali e non formali del Cultural Event Manager come primo passo verso il loro riconoscimento
  • Migliorare la qualità della mobilità europea per il Cultural Event Manager sottolineando opportunità e ostacoli.

L’idea progettuale è nata da una riflessione sul profilo del Cultural Event Manager in Europa, le sue competenze e prospettive dal punto di vista dell’Industria Creativa e Culturale e dal contatto, nel corso di attività di formazione e mobilità europea, con centinaia di professionisti, formatori e allievi nel settore dell’Event Management. L’offerta formativa nel management di eventi culturali aumenta ma imprese, professionisti, allievi e tirocinanti sottolineano una carenza in termini di competenze, esperienza pratica e opportunità di mobilità transnazionale. Nel corso delle proprie attività di formazione e mobilità europea il Ce.S.F.Or. e i partner hanno ricevuto richieste di partecipazione ben al di la dei posti disponibili. Molti professionisti del settore provengono da percorsi informali e le loro competenze non formali e informali devono essere riconosciute per facilitarne la “portabilità” internazionale e l’inclusione nel mercato del lavoro.

Il progetto si è focalizzato su:

– Teatro, musica, mostre, cinema
– Competenze in tema di fundraising, promozione/comunicazione, direzione artistica/tecnica e logistica.

  • S.I.T.E. – Social Inclusion through Theatre Experience”, Grundtvig Partnership;

S.I.T.E. ha voluto fornire risposta alle richieste avanzate dai professionisti del settore socio-culturale impegnati in attività di inclusione sociale di categorie svantaggiate.

Gli operatori di teatro sociale hanno reclamato un riconoscimento del proprio background e delle proprie  competenze informali, anche per facilitare la  mobilità di tali professionisti in Europa e l’inclusione nel mercato del lavoro. Tali esigenze sono emerse attraverso ricerche condotte a livello locale e contatti diretti con centinaia di insegnanti, professionisti ed operatori del settore socio-culturale.

Il progetto ha mirato a condividere a livello europeo il profilo professionale dell’ “Operatore di Teatro Sociale” con forte riferimento all’ European Qualification Framework. Attraverso questo progetto si sono volute gettare le basi per il riconoscimento di un percorso formativo che definisca le competenze del profilo professionale dell’ “Operatore di Teatro Sociale” per favorirne anche la mobilità in Europa.

I destinatari del progetto sono stati i docenti/formatori coinvolti nella progettazione, definizione, organizzazione e realizzazione del percorso formativo per sostenere l’inclusione sociale e lavorativa di categorie svantaggiati attraverso l’esperienza teatrale (anziani, immigrati, donne, persone diversamente abili ).

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...